Parliamo dei “Maine Coon” e dei problemi di salute genetici-ereditari di questo animale

In questo articolo ci soffermeremo su una speciale razza di gatto, quella che prende il nome di maine coon. Il nome dell’animale deriva dalla sua particolarissima coda che ricorda proprio quella di un procione. Il maine coon è un gatto di origini americane, nello specifico è un discendente dei gatti portati nelle Americhe dai primi coloni che raggiunsero il continente.

Col passare dei decenni, e dei secoli, le dimensioni di questi animali crebbero a dismisura fino a raggiungere le dimensioni odierne. Si pensi, del resto, che questi gatti riescono a raggiungere i 40 cm di altezza e possono arrivare addirittura a pesare 18 chili, cifre davvero mostruose se comparate con quelle dei gatti comuni.

Quest’ultimi, infatti, mediamente non superano i cinque o sei chilogrammi di peso medio e raggiungono una altezza che oscilla tra i 23 ed i 26 centimetri. Approfondiamo, nel seguente articolo, alcune caratteristiche del Maine Coon, in particolare quelle legate alla salute di questa specie.

Bellissimo esemplare di maine coon
Bellissimo esemplare di maine coon-Pinterest.it

Maine coon, i problemi di salute che colpiscono questi gatti

Il Maine Coon è un gatto generalmente considerato abbastanza robusto e sano, ma, come spesso accade, può soffrire di alcune malattia genetiche, date anche dalla stazza di questa specifica razza di animale. Tra le principali malattie che colpiscono questi gatti annoveriamo sicuramente la displasia dell’anca, la cardiopatia ipertrofica, e l’atrofia muscolo spinale. La cardiopatia ipertrofica, in particolare, risulta, tra le tre, quella che più frequentemente colpisce questi gatti, vediamo insieme di cosa si tratta. Accade che, nello specifico, si verifichi un ingrossamento, ipertrofia appunto, del muscolo cardiaco dell’animale. Sebbene molti ritengano ancora oggi che ciò sia dovuto anche ad una cattiva alimentazione, la verità è assolutamente un’altra, il disturbo si verifica per fattori meramente, o quasi, genetici ed ereditari.

Dei veterinari esperti dovrebbero riuscire, senza particolari problemi, a notare la presenza di un soffio al cuore nell’animale, e successivamente, attraverso quello che viene comunemente detto ecocardiogramma, riconoscere la presenza di tale malattia. In alcuni casi possono essere anche contattati dei cardiologi veterinari, esperti proprio di questi specifici problemi al cuore.

Esemplare di maine coon di colore nero
Esemplare di maine coon di colore nero-Pinterest.it
Due bellissimi maine coon dai colori diversi
Due bellissimi maine coon dai colori diversi-Pinterest.it

La displasia dell’anca e l’atrofia muscolare spinale

La displasia dell’anca, a sua volta, è una condizione ereditaria e genetica che colpisce proprio l’incavo dell’anca dell’animale. Sebbene sia un problema molto più comune dei cani di grossa taglia, proprio a causa della stazza del maine coon, è spesso presente anche in questa razza di gatto. La displasia è un disturbo molto complesso perché può colpire l’animale in modo diverso, nel senso che può palesarsi in modo lieve o meno, e dunque presentare sintomi più o meno seri. Nei casi meno gravi il gatto non proverà nemmeno dolore, ma, in caso contrario, l’animale potrebbe perfino avere difficoltà nel muoversi in maniera normale. Spesso, grazie a determinati farmaci che il veterinario vi consiglierà in base proprio alla gravità della situazione, è possibile alleviare i dolori del gatto. Nei casi peggiori, invece, sarà necessario intervenire chirurgicamente per risolvere in maniera definitiva la questione.

Leggi anche: Sphynx, tutto quello che devi sapere prima di adottare il gatto “senza pelo”

Il terzo disturbo che analizziamo è la cosiddetta atrofia muscolare spinale. Si tratta, nello specifico, di una condizione davvero terribile in cui i neuroni del midollo spinale del gatto si atrofizzano, cioè muoiono. La morte di questi neuroni causa in maniera diretta debolezza dell’intero scheletro dell’animale, che alla fine non sarà più in grado di muoversi in autonomia. Nelle fasi iniziali, invece, i gatti affetti da questo disturbo iniziano a muoversi con le zampe posteriori dondolanti presentando al contempo difficoltà nel salto. Risulta dunque importante quando si possiede un gatto di questo tipo effettuare dei test del DNA per osservare la presenza di geni che lasciano intendere una maggiore possibilità di incappare nei suddetti disturbi. Conoscere ciò vi permetterà di agire in maniera repentina e salvare la vita del vostro caro animale domestico.

Maine coon arancione
Maine coon arancione-Pinterest.it